Il cheesecake nella Slow Cooker

  • 6h 0m
    low
  • 6
  • facile

Finalmente lo posso confermare: il cheesecake è uno dei dolci più buoni da cuocere nella Slow Cooker!

Devo essere sincero, non è stato un risultato ottenuto al primo tentativo. E devo ringraziare Barbara, che ci ha scritto lo scorso novembre proponendoci i suoi esperimenti che ho provato e riprovato negli ultimi mesi (approfittando di feste e compleanni) fino a trovare dosi e tempi adatti alla mia Slow Cooker, che in questa pagina voglio condividere con tutti.

È importante sottolineare che questa versione è per una pentola classica in ceramica da 3,5 litri. Per pentole più grandi le dosi cambiano e cambia anche il metodo: in alcune Slow Cooker più capienti è possibile addirittura inserire uno stampo per torte rotondo rialzato da una spirale creata con la carta stagnola immersa in un dito di acqua sul fondo. Un ottimo metodo per non far bruciare il dolce ma impossibile da ricreare con una pentola così piccola come la mia.

Le dosi che troverete in questa ricetta sono per un cheesecake bello alto come piace a me, con le pareti esterne belle dorate dalla cottura e il fondo non troppo spesso per essere tagliato con facilità. La scelta della marmellata da mettere sopra è strettamente personale. In foto vedrete una fetta con marmellata di fragole ma potete provare anche con una bella marmellata di more quando sarà stagione… io ho servito il cheesecake in tanti modi, anche senza niente ed è sempre strepitoso!

Ingredienti

Per la base
  • 150 g di biscotti Digestive
  • 100 g di burro
  • 1 cucchiaio di zucchero
Per il ripieno
  • 500 g di Philadelphia
  • 1 confezione di panna acida (o in sostituzione panna fresca)
  • 200 g di zucchero
  • 2 uova intere
  • 35 g di farina
  • Aroma di vaniglia

Procedimento

  • Iniziare dalla pentola che va foderata prima con la carta stagnola e poi con quella da forno (io la bagno e la accartoccio tutta per renderla più modellabile). La prima aiuterà a non far attaccare il composto alla pentola per tirarla fuori agevolmente una volta finita la cottura. La seconda non fa entrare gli ingredienti a contatto con la stagnola e sarà facilmente rimovibile quando sarà il momento di impiattare il dolce.
  • Amalgamare tutti gli ingredienti della base (i biscotti, il burro fuso o meglio ancora intiepidito e lo zucchero) con un mixer cercando di non frullare troppo. Il risultato dovrà essere omogeneo ma anche un po’ granuloso.
  • Stendere la base sul fondo della pentola aiutandosi con un cucchiaio o con le mani rendendo lo strato uniforme e ben distribuito. Io lo preferisco non troppo alto, a volte mi è successo di esagerare e cuocendo troppo è diventato troppo spesso e duro da tagliare.
  • Con lo stesso mixer, senza bisogno di pulirlo, passare ad amalgamare tutti gli ingredienti del ripieno. Questa volta frullare bene fino ad eliminare tutte le imperfezioni.
  • Stendere il ripieno nella pentola e livellare la crema.

Cottura del cheesecake nella Slow Cooker

  • Impostare la modalità su LOW e cuocere con un panno da cucina (o un doppio strato di carta assorbente) tra coperchio e pentola per 6 ore.
  • A cottura terminata spegnere la Slow Cooker e lasciare intiepidire il dolce per un paio d’ore prima di tirarlo fuori dalla pentola.
  • Impiattare e mettere in frigo qualche ora per ottenere un risultato perfetto!
Sommario
recipe image
Ricetta
Il cheesecake nella Slow Cooker
Autore
Pubblicata il
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
Voto
41star1star1star1stargray Based on 5 Review(s)
Se ti è piaciuta la ricetta Il cheesecake nella Slow Cooker segui Ricette Slow Cooker anche su Facebook, Instagram e Pinterest e clicca qui per scoprire come muovere i primi passi con la tua Slow Cooker.
Hai provato questa ricetta? Usa @ricetteslowcooker e #ricetteslowcooker quando condividi le nostre ricette sui social.

← Precedente

Successivo →

26 Commenti

  1. Ottima ricetta! Ma secondo te come si fa per adattare le dosi a una Crock Pot da 2.4lt? Di quanto devo diminuire?

    • Ciao Milena, andando un po’ con le proporzioni e un po’ a occhio dovrebbe essere una cosa del genere:

      PER LA BASE
      100 g di biscotti Digestive
      70 g di burro
      mezzo cucchiaio di zucchero

      PER IL RIPIENO
      350 g di Philadelphia
      150 ml di panna acida (o in sostituzione panna fresca)
      140 g di zucchero
      1 uovo intero
      25 g di farina
      Aroma di vaniglia

      Se funziona, ti prego di commentare di nuovo, così cerco di metterlo in qualche modo nella ricetta!

  2. Pinuccia

    Bella ricetta, il burro fuso o morbido a pezzetti ? Grazie

  3. Ciao, vorrei provare la ricetta, ma non ho capito quando si mette la marmellata e in che quantità. Grazie.

    • Ciao Elisa,
      la marmellata (o una crema di nocciola ecc…) va messa a piacere sopra prima di riporre la cheesecake in frigorifero o comunque prima di servire. Anche qui la quantità da stendere dipende dai propri gusti e da quanto viene ampio il dolce.

  4. Grazie! Sei sempre gentilissimo e rispondi con rapidità! Direi che posso farla anche oggi allora! ☺️

  5. Pinuccia

    Preparata, buonissima, dosi, tempi , temperatura perfetti !
    Non avete mai effettuato ” esperimenti ” con la torta magica ? Secondo me la SC è adatta dato che deve cuocere a bassa temperatura , pena la trasformazione in una frittata . Grazie ancora .

    • Ciao Pinuccia grazie del riscontro. Della torta magica io non ne avevo mai sentito parlare mentre gli altri sì. La aggiungo alla lista degli esperimenti da fare in Slow Cooker, grazie!

  6. Ciao Diego,

    Ho seguito la ricetta alla lettera e mi si è strabruciato il bordo intorno e il fondo nella parte esterna. 😢 Ho una crockpot da 4,7 l. Secondi te perché? Avevo messo canovaccio fra coperchio e pentola e non ho mai controllato la cottura per non perdere il calore. Cosa suggerisci?

    • Ciao Elisa, per le dosi hai utilizzato quelle delle ricetta o le hai adattate per la 4,7 litri?
      Il tuo commento mi ha fatto ricordare un passaggio che non ritenevo fondamentale ma forse lo è: prima di mettere la carta da forno io la bagno e la accartoccio tutta per renderla più modellabile. Ora lo aggiungo alle istruzioni…

  7. Grazie, Diego.

    Non ho pensato di adattare le dosi perché stupidamente ho pensato che, essendo la mia più grande, andassero bene. A pensarci ora, forse andavano ridotti i tempi.

    Ho notato però che si è bruciata di più dove non c’era la stagnola, quindi forse la prossima volta rivesto anche i bordi, magari con doppio strato.

    Comunque, ti confermo che era squisita, soprattutto fredda di frigorifero. Grazie ancora della ricetta!

  8. Lorenza

    La miglior cheesecake che abbia mai fatto, grazie per la ricetta!!
    Ho letto in giro altre ricette che suggeriscono di cuocere su High per 2 ore, hai provato questa variante fra i tuoi esperimenti?

  9. Per il ripieno si potrebbero togliere le uova e mettere 10 grammi di agar agar?

  10. Ciao, la confezione di panna fresca da 200 o 250 ml? Grazie mille!!!

  11. Grazie. Oggi ho preso quella acida e c’era solo da 200. Domani la dovrei fare. Provo ad aggiungere 50 ml di yogurt bianco e vedo come va..speriamo!

    • Ciao anche io ultimamente ho trovato una confezione da 200 ml. Ancora non l’ho usata. Però appena possibile penso di usarla così, senza aggiungere nulla.

  12. ciao a tutti, nessuno ha le dosi per una Morphy Richards da 6,5 litri?

    • Ciao per la 6,5 prova così:

      PER LA BASE
      250 g di biscotti Digestive
      180 g di burro
      1 cucchiaio e mezzo di zucchero

      PER IL RIPIENO
      900 g di Philadelphia
      450 ml di panna acida (o in sostituzione panna fresca)
      350 g di zucchero
      3 uova intere
      65 g di farina
      Aroma di vaniglia

  13. Grazie Diego, immaginavo che occorresse quasi un chilo di Philadelphia, comunque complimenti per il blog veramente istruttivo sull’argomento, non vedo l’ora di provare la cheesecake ma sicuramente domenica mi cimentato’ con il ragù. A PRESTO

  14. Cristina

    La proverò quanto prima!
    Vorrei chiederti se nei tuoi esperimenti prevedi di cimentarti con la crème caramel, sarebbe magnifico non dover cuocere in forno a bagno maria per 45’ senza far bollire l’acqua…per me è sempre stato un problema…
    Grazie

Lascia un commento