Stufato alla Guinness

  • 8h 0m
    low
  • 8
  • media

L’irish stew, ovvero stufato irlandese, è uno dei piatti più famosi della cucina gaelica.  La versione che oggi vi propongo è arricchita dalla birra più famosa d’Irlanda: la Guinness, che conferisce allo stufato un sapore e un aroma sorprendenti!

Solitamente quando adattiamo una ricetta nella Slow Cooker, una delle cose principale da fare è ridurre drasticamente i liquidi rispetto a quelli usati in una normale cottura (come già spiegato qui). Questa volta però, poiché la Guinness è un elemento fondamentale della ricetta, ho preferito non ridurlo eccessivamente in fase di cottura, per non rischiare che l’aroma e il sapore della birra svanisse completamente, e ho preferito comunque far cuocere lo stufato alla Guinness in una modesta quantità di birra, per poi ridurre i liquidi a fine cottura. Quindi ho diminuito i liquidi rispetto alla ricetta tradizionale, ma non troppo.

La procedura finale per la riduzione dei liquidi richiede ulteriore tempo – tra i 15 minuti fino ad un’ora – in base al metodo che scegliete di seguire tra quelli indicati di seguito.

Ingredienti

  • 1,2 kg di spezzatino di manzo
  • 2 carote
  • 2 coste di sedano
  • 2 cipolle bianche
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 kg di patate
  • Farina 00 q.b.
  • Sale q.b.
  • 250 ml di birra Guinness

Procedimento

  • Tritare le carote, la cipolla e l’aglio.
  • Sbucciare e tagliare le patate, formando dei pezzi non troppo piccoli.
  • Infarinare la carne.
  • Soffriggere nell’olio la cipolla,  la carota, il sedano e l’aglio.
  • Aggiungere la carne e scottarla per un minuto mescolando.
  • Versare tutto nella pentola Slow Cooker (nel caso in cui avete dovuto soffriggere in una pentola a parte).
  • Aggiungere la birra Guinness e il sale.

Cottura dello stufato alla Guinness

  • Predisporre la Slow Cooker per la cottura alla temperatura più bassa (LOW) e lasciarlo cuocere per 8 ore.
  • Passate le 8 ore lo stufato  alla birra sarà pronto, ma per i motivi descritti prima, ci sarà un eccesso di liquidi, che dovremo quindi far ridurre per ottenere una deliziosa crema. Per farlo avrete 3 possibilità:
    1. Utilizzate una Instant Pot
      Accendete la funzione soutè – che sarebbe la funzione per soffriggere – in maniera da far bollire il liquido. Appena inizia a bollire, prelevate un bicchiere di liquido nel quale scioglierete due cucchiai di amido di mais facendo attenzione a non creare grumi. Riversate nella pentola il composto denso che si è creato nel bicchiere e mescolate. Continuate a far bollire fino a quando il liquido si è ridotto abbastanza da assumere la consistenza desiderata (circa 15 minuti).
    2. Utilizzate una Slow Cooker con pentola adatta ai fornelli
      Mettete la pentola stessa della Slow Cooker (se nelle istruzioni è indicato che può essere messa sul fornello) e fate bollire fin quando il composto non raggiunge la consistenza desiderata.
    3. Utilizzate una Slow Cooker con pentola non adatta ai fornelli
      Lasciate tutto dove è. Togliete il coperchio e fate cuocere ancora un’ora su HIGH.

Lo stufato alla Guinnes è pronto  è pronto, mangiatelo ben caldo nelle sere d’inverno!

Se ti è piaciuta la ricetta Stufato alla Guinness segui Ricette Slow Cooker anche su Facebook, Instagram e Google+ e clicca qui per scoprire come muovere i primi passi con la tua Slow Cooker

← Precedente

Successivo →

5 Commenti

  1. Scusate, non ho ben capito: se pur avendo la Instant Pot volessi cuocere in modalità slow cooker, quante ore dovrei tenerlo??

  2. Claudio

    Claudio

    Ciao Elena, come indicato nella ricetta: 8 ore alla temperatura più bassa LESS/LOW, passate le 8 ore devi solo far ridurre i liquidi con uno dei metodi descritti, nel caso della istant puoi far bollire qualche minuto direttamente con la funzione sautè senza dover spostare lo stufato. A presto!

  3. Fatto ed è venuto buonissimo… ma per la instant pot evidentemente in slow cook in less evidentemente 8 ore sono troppo poche, la carne è perfetta ma le patate sono ancora molto dure. Ora ho impostato altre tre ore, vedremo che succede.

Lascia un commento