Saganaki garides

  • 4h 30m
    high
  • 4
  • media

La mia prima saganaki garides l’ho assaggiata 15 anni fa a Loutraki, una remota cittadina greca che affaccia sul golfo di Corinto. Non lo dimenticherò mai. La psarotaverna affacciava sul mare ed era una bella giornata in periodo di Pasqua. Da allora ad oggi ho mangiato questo piatto tante altre volte. Tutte quelle in cui mi è stato possibile. Anche a casa l’ho preparato in forno con discreto successo.

Gamberi nella Slow Cooker

Ora che ho la Slow Cooker ho voluto sperimentare come potevo cuocere gamberi e mazzancolle cercando di non asciugarli troppo come avviene in forno. L’altra incognita era la reazione della feta. Ma posso dire con orgoglio: Missione compiuta!

Non so bene quale sia la versione tradizionale della saganaki di gamberi perché per questa ricetta esistono varianti da cuocere sia in forno sia in padella. Io, per paura di avere un risultato troppo liquido, ho utilizzato anche il fornello ma probabilmente non è necessario se si toglie il coperchio della Slow Cooker un po’ prima di quanto ho fatto io.
Sicuramente i gamberi vanno sgusciati lasciando la testa e puliti sul dorso ma come vedrete io ho usato un prodotto surgelato già pulito e per le mazzancolle mi sono riservato di sgusciarle mentre mangiavo. Un ottimo modo di insudiciarmi come piace a me!

Ingredienti

  • 240 g di gamberi sgusciati e devenati
  • 350 g di mazzancolle tropicali
  • 200 g di feta
  • 1 cipolla
  • 1 spicchi d’aglio
  • 1 peperone
  • 300 g di pomodori maturi
  • 350 g di passata di pomodoro
  • origano q.b.
  • sale q.b.
  • foglie di prezzemolo o basilico per guarnire

Procedimento

  • Per prima cosa dovete pensare a preparare la cipolla e il peperone tagliando tutto a listarelle. L’aglio va sbucciato e diviso in due parti.
    Poi passate ai pomodori. Io li ho tagliati in 4.
    5 minuti in padella con un po’ d’olio e sarà tutto pronto per essere passato in pentola.
  • Adagiate tutto nella Slow Cooker, aggiungete la passata di pomodoro, l’origano e il sale. Coprite e lasciate cuocere in modalità HIGH per 3 ore e mezza.
  • Passato questo tempo, aggiungete gamberi e mazzancolle (precedentemente scottati in padella con un filo di ouzo o vino bianco) e lasciate cuoocere per un’altra oretta senza coprire.
    L’ultima mezz’ora aggiungete anche la feta tagliata a cubetti e amalgamate il tutto rigorosamente con un mestolo per non compromettere la pentola Slow Cooker.
  • La saganaki garides è pronta. Se non siete contenti della consistenza potete ripassare qualche minuto nella padella che avete usato precedentemente. A me non è servito.

I gamberi sono rimasti belli succosi, il sugo perfetto e i peperoni cotti al punto giusto.

Come servire la saganaki garides

Potete servire la saganaki come antipasto o aperitivo su fette di pane bruscate o come piatto unico in una scodella sempre accompagnando con pane.

È buona anche il giorno dopo. E quello dopo ancora… È buona sempre!

Se ti è piaciuta la ricetta Saganaki garides segui Ricette Slow Cooker anche su Facebook, Instagram e Google+ e clicca qui per scoprire come muovere i primi passi con la tua Slow Cooker

← Precedente

Successivo →

Lascia un commento