Polpette ripiene di provola e speck

  • 4h 0m
    high
  • 2
  • media

Da buon amante delle polpette, oggi mi cimento nella loro realizzazione. Amo le polpette perché si possono realizzare in molteplici modi e con tanti ingredienti, offrendo varianti quasi infinite. Per la Slow Cooker ritengo siano quelle di carne le più adatte.

Ingredienti

  • 500 g di carne macinata
  • 1 uovo
  • 2 cucchiai di parmigiano
  • 1 pizzico di sale
  • 50 ml di latte
  • 1 cucchiaino di prezzemolo
  • 1 cucchiaio di pan grattato
  • 50 g scamorza
  • 25 g di speck a dadini
  • 350 ml di passata di pomodoro
  • Olio, sale e cipolla q.b.

Procedimento

  • Dentro una ciotola mettere la carne, l’uovo, il parmigiano, il sale, il latte, il prezzemolo e il pan grattato. Mescolare il tutto cercando di ottenere un composto non troppo morbido, né troppo duro. Deve essere facilmente lavorabile a mano e rimanere bello sodo una volta fatta la polpetta.
  • Prendere 1/5 del composto, circa 100 g, schiacciarlo al centro e inserire provola e speck. Lavorarlo in modo da ottenere una pallina. Ripetere l’operazione fino a finire il composto.
  • Una volta ottenute le polpette, metterle nella Slow Cooker dove precedentemente è stato messo un filo d’olio, cipolla (la quantità varia in base ai gusti) e passata di pomodoro.

Considerate che nella mia Russel Hobbs da 3,5 litri, 5 polpette così grandi occupano tutto il fondo della pentola. Quelle in più vanno poggiate sopra le altre.

Cottura delle polpette ripiene

  • Lasciare in cottura per 3 ore e mezza in temperatura HIGH e poi mezz’ora in modalità LOW. A metà cottura, girare sottosopra le polpette.

Per accompagnare, tagliare a striscioline del pane casereccio, bruscarlo e metterlo a guarnizione del piatto. Sarà molto utile per la scarpetta di rito.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta Polpette ripiene di provola e speck segui Ricette Slow Cooker anche su Facebook, Instagram e Google+ e clicca qui per scoprire come muovere i primi passi con la tua Slow Cooker

← Precedente

Successivo →

Lascia un commento