Petto d’anatra nella Slow Cooker

  • 5h 0m
    high
  • 4
  • facile

Il petto d’anatra è un taglio di carne molto particolare, il grasso tra la pelle e il petto è fondamentale per mantenere la carne morbida, quindi assicuratevi che sia ancora presente quando lo comprate dal macellaio.

L’idea dietro questa ricetta è di usare la Slow Cooker per ottenere uno spezzatino d’anatra molto morbido, con il suo condimento tipico: carote, sedano, cipolla e qualche tocco particolare.

Ingredienti

  • un petto d’anatra intero, circa 900 g
  • 100 g di pinoli
  • 100 g di uvetta
  • 2 carote
  • 1 cipolla
  • 1 gambo di sedano
  • 2 ciuffi di basilico
  • 1 peperoncino
  • sale e pepe q.b.

Procedimento

  • Aprite il petto d’anatra mettendo la parte interna verso l’alto, e condite con sale e pepe e un giro d’olio e lasciate riposare a parte.
  • Lavate e tritate grossolanamente tutte le verdure assieme ai pinoli e l’uvetta, e mettetele sul fondo della Slow Cooker (per questa ricetta ho utilizzato la Instant Pot ma il procedimento è praticamente identico).
  • Se avete una griglia poggiatela all’interno della pentola sopra le verdure e poggiateci sopra il petto mantenendo la pelle verso l’alto.

Cottura dell’anatra nella Slow Cooker

  • Impostate la Slow Cooker su HIGH e fate cuocere per 5 ore.
  • Ultimata la cottura togliete il petto dalla pentola e mettetelo su un piatto, togliete la pelle che a questo punto dovrebbe venire via facilmente e “spezzettate” la carne con due forchette dentro una ciotola.
  • A questo punto potete utilizzare il condimento rimasto nella pentola in due modi, o così com’è oppure tritarlo con un minipimer, in entrambi casi versatelo sulla carne e amalgamate bene.
  •  Impiattate utilizzando uno stampo coppapasta da cucina e guarnendo con qualche foglia di basilico.

Non vi resta che mangiare!

Se ti è piaciuta la ricetta Petto d’anatra nella Slow Cooker segui Ricette Slow Cooker anche su Facebook, Instagram e Google+ e clicca qui per scoprire come muovere i primi passi con la tua Slow Cooker

← Precedente

Successivo →

Lascia un commento