Ossobuco di vitello

  • 4h 0m
    low
  • 4
  • facile

​Con l’arrivo dell’autunno voglio proporvi una ricetta semplice ma gustosa, adatta a grandi e piccini: l’ossobuco di vitello.

La carne di vitello

Il vitello è il bovino macellato tra i 5 e i 7 mesi quando ancora non è stato castrato. La carne di vitello è bianca e tenera; questo è dovuto alla sua alimentazione e alla sua tenera età. Infatti il vitello viene alimentato sin dalla nascita e per tutta la sua vita, fino alla macellazione, con solo latte artificiale. Per questo motivo la carne è poco grassa, contiene molta acqua e ha colore rosa chiaro, poiché è priva di ferro, ha un gusto più delicato rispetto al manzo e se ne consiglia il consumo soprattutto agli anziani e ai bambini.

Ingredienti

  • 4 ossobuchi di vitella ( circa 1 kg) di media grandezza
  • 1/2 cipolla bianca
  • 30 g di burro
  • 50 ml di brodo
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • farina, olio, sale e pepe q.b.

Procedimento

  • Prendete l’ossobuco uno alla volta e incidete con delle forbici da cucina la membrana che li circonda, questo eviterà alla carne di “arricciarsi” in cottura.
  • Infarinate gli ossibuchi da entrambi i lati.
  • In una padella fate imbiondire la cipolla tagliata finemente con l’olio e il burro.
  • Quando il soffritto è pronto, aggiungete gli ossibuchi e fateli rosolare a fuoco medio per circa 4 minuti per lato. Salate, pepate e aggiungete il vino sfumandolo a fuoco vivace. Togliete gli ossibuchi dalla padella e teneteli in caldo.
  • Al fondo di cottura aggiungete il brodo (precedentemente preparato) mescolate per amalgamare il fondo e fategli prendere bollore. Versate il sughetto nella Slow Coocker e aggiungete gli ossibuchi.
  • Cuocere per 4 ore a potenza LOW
  • Servire l’ossobuco di vitello con risotto allo zafferano o con piselli.

Buon appetito!

Se ti è piaciuta la ricetta Ossobuco di vitello segui Ricette Slow Cooker anche su Facebook, Instagram e Google+ e clicca qui per scoprire come muovere i primi passi con la tua Slow Cooker

← Precedente

Successivo →

Lascia un commento