Involtini al sugo ripieni di prosciutto e formaggio

  • 4h 0m
    high
  • 3
  • media

Chi di voi va matto per gli involtini al sugo?

Oggi prepariamo un piatto che, almeno nella mia famiglia, è un must! Anche se la ricetta tramandata dalla nonna prevedeva come ripieno per le fettine di “pezza”, come si dice a Roma,  il sedano e la carota, io l’ho modificato per creare una versione nel mio stile, più carica, sostituendo il ripieno di verdure con prosciutto cotto e formaggio Galbanino.

Ingredienti

  • 6 fettine di scamone di manzo
  • 3 fettine di prosciutto cotto
  • 6 tondini di formaggio Galbanino spessi circa mezzo centimetro
  • 250 ml di passata di pomodoro
  • Odori, sale e olio q. b.

Procedimento

  • Prendere la fettina e la stenderla su un piatto.
  • Adagiare sulla fettina mezza fetta di prosciutto cotto e il tondino di Galbanino tagliato a listarelle, partendo dalla parte più larga.
  • Arrotoliare il tutto avendo cura di lasciare il ripieno circa mezzo centimetro all’interno, partendo sempre dalla parte più larga.
  • Prendere gli stuzzicadenti e “sigilliare” l’involtino.

Cottura degli involtini al sugo nella Slow Cooker

  • Prendere la passata di pomodoro e versarla nella Slow Cooker.
  • Condire la passata con sale, aglio e cipolla in polvere. Eventualmente è possibile aggiungere del prezzemolo o altre spezie a vostro gradimento.
  • Adagiare gli involtini sulla passata spennellando la parte superiore con la passata.
  • Accendere la Slow Cooker in modalità HIGH per 4 ore e la cena è pronta.

Buon appetito!

Sommario
recipe image
Ricetta
Involtini al sugo ripieni di prosciutto e formaggio
Autore
Pubblicata il
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
Voto
3.51star1star1star1stargray Based on 3 Review(s)
Se ti è piaciuta la ricetta Involtini al sugo ripieni di prosciutto e formaggio segui Ricette Slow Cooker anche su Facebook, Instagram e Google+ e clicca qui per scoprire come muovere i primi passi con la tua Slow Cooker

← Precedente

Successivo →

4 Commenti

  1. Luciana

    Ciao Daniele, che parte del manzo e’ la “pezza”? Magari qui al nord ha un altro nome.
    La ricetta mi piace molto anche perché non prevede rosolature.
    Mi permetto un suggerimento: dato il tempo prolungato della cottura (anche se a bassa temperatura), eviterei il prezzemolo, che se non usato per una cottura veloce ma lunga e’ tossico. Eventualmente se proprio piace il gusto utilizzare qualche gambo tritato ma il timo, a mio parere, ci starà benissimo e così io farò questi gustosi involtini.
    Grazie e complimenti
    Luciana

    • Daniele

      Daniele

      Ciao Luciana, grazie per il commento e per la dritta sul sostituto del prezzemolo, anche se la tossicità dello stesso in lunghe cotture (ma nelle cotture in genere) pare essere più una leggenda metropolitana e comunque, qualora risultasse tossico, se ne devono consumare quantità non indifferenti. La pezza, come diciamo a Roma, è una parte del quarto posteriore, chiamato anche scamone.

      • Luciana

        Grazie!
        Uso la slow dall’anno scorso con grande soddisfazione: a mio parere per verdure, legumi e carni è imbattibile. Poi queste ricette che spuntano nel blog sono un bel modo di condividere la buona cucina👩‍🍳

        • Daniele

          Daniele

          Grazie a te per seguirci, siamo sempre qui a disposizione per qualsiasi dubbio, idea, alternativa.

Lascia un commento